post

Il tartufo è indubbiamente uno degli ingredienti più ricercati e gustosi della cucina italiana, difficile da trovare, da conservare e da abbinare agli altri prodotti. Ma come cucinare il tartufo? Non è raro infatti che, pur possedendo il tartufo migliore, non si riesca a cucinarlo nella maniera ideale, sciupandone le caratteristiche che lo rendono tanto gustoso e prelibato.

Ecco perché vogliamo darvi qualche pratico suggerimento per cucinare questo prodotto al meglio, che si tratti di tartufo bianco o nero, aggiungendo ai vostri piatti un inconfondibile valore aggiunto capace di stupire anche i palati più esigenti.

Come cucinare il tartufo nero?

In linea generale ricordate che il tartufo nero è meno delicato del tartufo bianco, esso infatti regge meglio il calore, ma non bisogna comunque esagerare. Ricordate quindi di non soffriggerlo o rosolarlo, ma di aggiungerlo sempre a fine cottura, di qualunque piatto si tratti.

Il tartufo nero, infatti, da il meglio di sè al naturale, ed è perfetto da grattugiare a scaglie sulle vostre pietanze preferite. Usatelo per mantecare i vostri primi piatti, come i risotti, o magari utilizzatelo per rendere speciale un ripieno o un patè. Qualche suggerimento? Provate le tagliatelle con tartufo nero o magari utilizzatelo per aromatizzare una insalatina tiepida di patate al burro.

Come cucinare il tartufo bianco?

Per quanto riguarda il tartufo bianco, molto più delicato di quello nero, diventa assoluto il divieto di cottura, dal momento che andrebbe a perdere tutte le caratteristiche organolettiche che lo rendono tanto speciale.

Le alte temperature sono assolutamente da evitare ma, al contrario, utilizzarlo in scaglie sottilissime per guarnire i vostri piatti di pasta o di carne, gli consentirà di sprigionare tutto il suo profumo. Usatelo per ricoprire un filetto di manzo ai porcini cotto in padella o magari per decorare dei crostini di pane accompagnati con delle acciughe, da servire come aperitivo veloce.

Se vi state ancora chiedendo come cucinare il tartufo non dovete fare altro che tenere a mente queste piccole accortezze e cimentarvi nella preparazione di qualche nuova ricetta, il risultato sarà sicuramente eccellente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *