post

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise rappresenta uno dei parchi più antichi ed importanti d’Italia, esso si estende soprattutto nel territorio abruzzese, diciamo per 3/4 della sua estensione, esattamente in provincia dell’Aquila e, per la parte restante, nella zona di Frosinone per il Lazio e in quella di Isernia per quanto riguarda il Molise.

Istituito ufficialmente nel 1923, il Parco è famoso a livello internazionale soprattutto per la presenza e la salvaguardia di importanti specie faunistiche italiane come quella dell’orso bruno marsicano, del lupo o del camoscio d’Abruzzo. Ma vediamo nel dettaglio cosa è possibile ammirare in questi 50.000 ettari di natura incontaminata.

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

Come abbiamo già accennato, la fauna rappresenta senza dubbio l’elemento più importante del Parco, che si dedica alla sua salvaguardia non solo con attività di protezione ma anche educative. Al suo interno, oltre alle specie già citate, è possibile ammirare, soprattutto in particolari momenti di silenzio e tranquillità, numerosissime specie di anfibi, rettili, insetti, mammiferi ed uccelli.

Tra questi ricordiamo soprattutto il Tritone punteggiato e la Salamandrina dagli occhiali, per quanto riguarda gli anfibi; la Cetonia dorata e lo Scarabeo rinoceronte per gli insetti; la Biscia dal collare e il Biatto per i rettili, Poiane, Falchi e Civette per quanto riguarda gli uccelli. Ma si tratta solo di una piccolissima parte delle numerose meraviglie naturali che è possibile avvistare al suo interno.

Anche la flora riserva al visitatore non poche sorprese, grazie alle grandi foreste di faggio che occupano circa il 60% di tutto il Parco, alle betulle e ad alcune peculiarità floristiche come il Giaggiolo e la Scarpetta di Venere, le quali crescono esclusivamente nel Parco tra il mese di maggio e di giugno.

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise non è solo natura, ma anche storia e fascino, grazie alla presenza di numerosi borghi antichi tutti da visitare. Tra quelli molisani abbiamo: Pizzone, Rocchetta a Volturno, Scapoli, Castel San Vincenzo e Filignano. Dei piccoli gioielli da scoprire, tra tradizioni, antichi sapori e scenari suggestivi.

A questo punto non resta che organizzare il vostro viaggio e dirigervi verso questa incredibile oasi di natura, storia e fascino, prendendo parte alle numerose escursioni che vengono qui organizzate o magari agli interessanti laboratori didattici, ideali per grandi e piccoli. Per informazioni potete chiamare lo 0863/91131.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *