post

Il tartufo è un ingrediente prezioso e ricercato, che deve il suo successo alle sue inconfondibili caratteristiche, capaci di rendere unico qualsiasi piatto, dal più semplice al più elaborato. E’ anche vero, tuttavia, che non sempre è facile riuscire ad accostarlo agli elementi giusti, rischiando di sciuparne irrimediabilmente il sapore.

Una delle difficoltà maggiori che si incontrano quando si ha a che fare con il tartufo, è scegliere il vino ideale con il quale accompagnarlo, dal momento che le varie tipologie di prodotto, ovvero il tartufo bianco e il tartufo nero, prediligono accostamenti differenti. Se anche voi avete dei dubbi su quale sia il vino da abbinare al tartufo, date un’occhiata ai nostri suggerimenti: non sbaglierete di certo…

Vino da abbinare al tartufo nero

L’accostamento tra vino e tartufo risulta spesso difficile poiché entrambi godono di profumi e di sapori molto forti che, se non dosati con attenzione, potrebbero rendere il vostro piatto un vero disastro, sciupando sia le caratteristiche dell’uno che dell’altro. In linea generale bisogna ricordare che il tartufo, sia bianco che nero, non chiede un vino eccessivamente aromatico o con un forte sentore di vaniglia, che altrimenti andrebbe a sovrastarne il gusto.

Per quanto riguarda il vino da abbinare al tartufo nero, basta ricordare che è il più semplice da accostare, dal momento che spesso viene aggiunto in cottura, risultando più facilmente amalgamabile ad altri sapori. I primi piatti a base di tartufo nero richiedono vini complessi, mentre i secondi di carne e tartufo si accostano a vini rossi strutturati ed invecchiati magari di qualche anno. Per quanto riguarda i rossi scegliete pure un Bordeaux, un Montepulciano d’Abruzzo o un Pomerol, mentre per i bianchi un Trebbiano, un Friulano o un Cortese di Gavi.

Vino da abbinare al tartufo bianco

Per il vino da abbinare al tartufo bianco invece, bisogna ricordare che questa tipologia di tartufo viene spesso aggiunta in sfoglie sottili, a crudo, su piatti a base di uova e formaggi, o magari su primi piatti a base di burro. In questi casi il vino giusto da abbinare deve essere morbido e profumato, non troppo intenso per non sovrastare il profumo dell’ingrediente principale.

A questo proposito potete scegliere un Dolcetto d’Alba, un Barolo, un Pinot Nero o magari un Rosso del Conero. Con questi piccoli suggerimenti riuscirete a trovare il vino giusto per le vostre ricette e creare un mix unico di sapori e profumi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *